La mattanza di 1400 delfini e la revisione delle tradizioni nelle Faroe Island

Il Primo Ministro si pronuncia in seguito alla strage di delfini nelle Faroe Island

In seguito all’uccisione di più di 1400 delfini in un’unica battuta di caccia nelle Faroe Island, il mondo si è indignato e ha condiviso la sua rabbia sui social media.

Nel giro di qualche giorno sono fioccati articoli e post da migliaia di voci che gridavano allo scandalo per questa terribile tradizione, ancora in voga nelle Faroe Island, in cui centinaia di delfini (ma anche balene e altri cetacei) perdono la vita nel più violento dei modi.

E si sa, quando viene minacciata l’immagine di un paese, ecco che c’è subito una reazione.
Infatti, pochi giorni fa, il Primo Ministro delle Faroe Island ha annunciato che questa pratica cruenta verrà “rivalutata” assieme al ruolo che la stessa ricopre nella tradizione della loro società. Ha voluto inoltre ribadire, che si tratta pur sempre di una pesca “sostenibile”.
Posto che, in un ecosistema allo stremo come il nostro, nessuna pesca potrà mai essere sostenibile, sottolineano come, soprattutto, nessuna pesca può essere non-violenta e non-crudele.
Nessuna tradizione, inoltre, sarà mai sufficientemente importante da giustificare degli atti cosi tremendi e disumani ai danni di animali innocenti.

Speriamo che il Primo Ministro possa prendere questa questione con la giusta serietà e che si tratti di un piccolo passo nella giusta direzione per l’abolizione definitiva di questa pratica orrenda.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s