Fai da te: crema pulente

Un’idea ecologica per pulire le superfici

Questo prodotto è ottimo per pulire principalmente le superfici del bagno, o i piani cucina.
Si applica con una spugnetta umida, si lascia agire qualche minuto e poi si sciacqua con un’altra spugnetta.
Puoi preparare questo prodotto al momento ogni volta che ti serve.

Ingredienti:

  • Bicarbonato

  • Sapone liquido per piatti (acquistato da una refill station o in packaging sostenibile)

  • Qualche goccia di limone
  • Procedimento:

    Mescola 2 o 3 cucchiai rasi di bicarbonato con il sapone per piatti fino a raggiungere una consistenza cremosa. Mescolando, aggiungi qualche goccia di limone.


    Fai da te: maschera all’argilla

    Maschera purificante per il viso: veloce ed efficace



    Sul mercato sono disponibili un’infinità di maschere all’argilla, che spesso costano tra i 10 e i 25 euro e sono confezionate in barattoli di plastica.
    Ecco una soluzione più economica e più ecologica, ma egualmente efficace.
    È necessario disporre solamente di argilla verde in polvere, che si può comprare in pacchi di carta dai 500gr o più, ed acqua.

    Ingredienti:

  • Acqua

  • Argilla verde in polvere
  • Procedimento:

    Mescolare acqua e argilla insieme, fino a raggiungere una consistenza fangosa.
    Utilizzare possibilmente in una ciotola e degli utensili in legno (o vetro), evitare di mettere il composto a contatto con il metallo.

    Questa maschera ha un’azione purificante e andrebbe applicata circa una volta a settimana, puoi aumentare la frequenza di applicazione se la tua pelle è grassa mentre sarebbe meglio non superare una volta ogni dieci giorni se la pelle è piuttosto secca.
    La maschera si conserva in frigo, chiusa in un barattolo di vetro.


    Fai da te: deodorante

    Un’ottima formula per un deodorante delicato, efficace ed ecologico

    Trovare un deodorante in un packaging che non sia composto in tutto in porte di plastica è quasi impossible. Ci sono alcune alternative come i deodoranti stick con l’involucro in cartone o i deodoranti solidi di Lush, ma puoi anche creare un deodorante fatto in casa con pochi ingredienti e molto velocemente, da conservare in un barattolo di vetro riciclato.

    Per creare il tuo deodorante DIY, dovrai acquistare alcuni prodotti che potrai poi riutilizzare per farne tanti altri sia per il corpo che per la casa.
    Acquista gli ingredienti per i tuoi progetti DIY, bisognerebbe cercare di acquistarli ad una refill station, in un negozio di prodotti sfusi, o per lo meno con packaging 100% riciclabili, altrimenti viene meno il fine ecologico.
    Gli ingredienti dovranno anche essere cruelty free e vegan.

    Trovare un deodorante in un packaging che non sia composto in tutto in porte di plastica è quasi impossible. Ci sono alcune alternative come i deodoranti stick con l’involucro in cartone o i deodoranti solidi di Lush, ma puoi anche creare un deodorante fatto in casa con pochi ingredienti e molto velocemente, da conservare in un barattolo di vetro riciclato.

    Per creare il tuo deodorante DIY, dovrai acquistare alcuni prodotti che potrai poi riutilizzare per farne tanti altri sia per il corpo che per la casa.
    Acquista gli ingredienti per i tuoi progetti DIY, bisognerebbe cercare di acquistarli ad una refill station, in un negozio di prodotti sfusi, o per lo meno con packaging 100% riciclabili, altrimenti viene meno il fine ecologico.
    Gli ingredienti dovranno anche essere cruelty free e vegan.

    In questo caso abbiamo trovato del burro di karitè in barattolo di vetro con tappo in alluminio (che verrà riutilizzato), mentre il bicarbonato, la maizena e il burro di cacao sono stati acquistati in un negozio di prodotti sfusi.

    Ricorda: evita il metallo per quanto riguarda utensili e contenitori durante il procedimento, prediligendo legno e vetro.

    Ingredienti:

    • 2 cucchiai di burro di karite
    • 3 cucchiai di bicarbonato di sodio
    • 2 cucchiai di maizena
    • 2 cucchiai di burro di cacao 
    • poche gocce di tea tree
    • poche gocce di olio essenziale a piacere (facoltativo)

    Procedimento:

    Far sciogliere i due burri a fuoco molto lento o a bagnomaria, mentre mescoli in un contenitore a parte il bicarbonato e la maizena. Quando burro di karité e burro di cacao si sono sciolti, unire a bicarbonato e maizena assieme alle gocce di tea tree e olio essenziale.
    Versare il composto cosi ottenuto in un barattolo di metallo chiuso, e metterlo circa 3 ore in frigo perché si solidifichi.
    Al termine delle 3 ore il barattolo può essere conservato a temperatura ambiente avendo cura di non metterlo vicino a fonti di calore. 


    Fai da te: crema per il corpo

    Crema idratante fatta in casa, facile ed efficace

    Le creme idratanti per il corpo si acquistano, praticamente sempre, in flaconi di plastica.
    Con questo procedimento puoi creare la tua crema idratante per il corpo, riutilizzando un contenitore di vetro.
    Per creare la tua crema corpo DIY, dovrai acquistare alcuni prodotti che potrai poi riutilizzare per farne molti altri sia per il corpo che per la casa.

    Acquista gli ingredienti per un progetto DIY ad una refill station, in un negozio di prodotti sfusi, o per lo meno con packaging 100% riciclabili o riutilizzabili, altrimenti viene meno il fine ecologico.
    Gli ingredienti dovranno anche essere cruelty free e vegan.

    In questa ricetta si richiede l’uso della vitamina E che aiuta il prodotto a conservarsi più a lungo. Puoi trovarla, in flaconi di vetro, nel reparto degli integratori.

    Ingredienti:

    • 10 cucchiai di burro di karite
    • 1 cucchiaio olio di girasole
    • 1 cucchiaino di vitamina E
    • 10 gocce di olio essenziale e/o tea tree (facoltativi)

    Procedimento:

    Se il burro di karité non è già morbido e lavorabile con un cucchiaio di legno, fallo sciogliere a bagnomaria. Unisci il burro di karité all’olio di girasole, la vitamina E, ed alle gocce di olio essenziale e tea tree, mescola fino a rendere il composto omogeneo.
    Mettilo in un vasetto di vetro e fallo raffreddare in frigo o a temperatura ambiente, dovrebbe solidificarsi al punto giusto in circa 2 o 3 ore.
    Dopo la solidificazione può essere conservato a temperatura ambiente ma deve essere tenuto lontano da fonti di calore.


    Fai da te: polvere per il wc

    Un’ottima soluzione ecologica per igienizzare e profumare il wc

    Ecco un’alternativa fai da te alle pastiglie per il WC per combattere i cattivi odori.
    Questo prodotto può essere creato sotto forma di polvere o di pastiglie, a seconda che ci sia la possibilità di usare uno stampo per ghiaccio o meno.
    In entrambi i casi il prodotto sarà molto efficace!
    Uno degli ingredienti per la polvere è l’acqua, che dev’essere aggiunta al composto con uno spruzzino, per evitare di innescare eccessivamente l’effervescenza.
    Inoltre durante il procedimento è consigliato indossare dei guanti (ma non usa e getta!) perché alcuni degli ingredienti potrebbero essere leggermente irritanti.

    Raccomandiamo di acquistare gli ingredienti per i vostri progetti DIY ad una refill station, un negozio di prodotti sfusi o per lo meno scegliere packaging 100% riciclabili o riutilizzabili, altrimenti viene meno il fine ecologico.
    Gli ingredienti dovranno anche essere cruelty free e vegan.

    Ingredienti:

    • 150gr di carbonato di sodio
    • 5gr d’acqua
    • 80gr di acido citrico
    • qualche goccia di olio essenziale a piacere (meglio se menta o simili)

    Procedimento:

    Inizia mescolando assieme il carbonato di sodio e l’acido citrico. Un po’ alla volta, vaporizza l’acqua sul composto continuando a mescolare, e aggiungendo qualche goccia di olio essenziale.
    Attenzione a non rendere il composto troppo liquido: deve restare abbastanza farinoso e non andare in effervescenza.
    Una volta finito di mescolare gli ingredienti:

    • se vuoi creare delle pastiglie, metti il composto nello stampo da ghiaccio e lascialo asciugare per circa 24 ore. Una volta trascorso il tempo potrai sformare le pastiglie e conservarle in un barattolo di vetro. 
    • se preferisci creare una polvere, distendi il composto su un vassoio ricoperto di carta d’alluminio e lascialo asciugare per 24 ore. Trascorso il tempo, puoi ridurre il composto solidificato in polvere (o piccoli pezzetti) e conservarlo in un barattolo di vetro.

    Non chiudere troppo ermeticamente il barattolo contenente le pastiglie o la polvere: un po’ d’aria permette di mantenere la consistenza giusta.


    Fai da te: latte di anacardi

    Come prepare un ottimo latte di anacardi fatto in casa

    Il latte vegetale diventa ogni giorno più popolare sia tra chi sceglie una dieta di tipo vegetale sia tra gli onnivori.
    Nonostante il mercato offra un’immensa varietà di questi prodotti, è anche facile ed economico da fare in casa, evitando così di acquistare (e buttare) l’ennesimo cartone di latte.
    In questa ricetta l’ingrediente principale saranno gli anacardi, ma il procedimento non varia se li vuoi sostituire con le mandorle, con l’avena, o quello che più piace.
    Durante il procedimento avrai bisogno di un sacchetto filtrante per il latte vegetale, che puoi reperire in molti negozi online, e che ti tornerà utile per molte altre ricette!

    Le quantità di questa ricetta produrranno circa 1 litro di latte d’anacardi.

    Il latte vegetale diventa ogni giorno più popolare sia tra chi sceglie una dieta di tipo vegetale sia tra gli onnivori.
    Nonostante il mercato offra un’immensa varietà di questi prodotti, è anche facile ed economico da fare in casa, evitando così di acquistare (e buttare) l’ennesimo cartone di latte.
    In questa ricetta l’ingrediente principale saranno gli anacardi, ma il procedimento non varia se li vuoi sostituire con le mandorle, con l’avena, o quello che più piace.
    Durante il procedimento avrai bisogno di un sacchetto filtrante per il latte vegetale, che puoi reperire in molti negozi online, e che ti tornerà utile per molte altre ricette!

    Le quantità di questa ricetta produrranno circa 1 litro di latte d’anacardi.

    Ingredienti:

    • 120 grammi di anacardi
    • 230 ml di acqua molto fredda

    Procedimento:

    Lasciare gli anacardi a bagno in una coppetta d’acqua per tutta la notte a temperatura ambiente o per almeno 5 ore nel frigo.
    Quando gli anacardi saranno stati a bagno per il tempo necessario, metterli nel frullatore assieme ai 2/3 dell’acqua e attivare alla massima potenza per 60 secondi.
    Aggiungere l’acqua restante e fate ripartire il frullatore alla massima potenza per altri 60 secondi.
    Ora dovrete solamente filtrare il latte utilizzando il sacchetto filtrante.
    Il latte si conserva in una bottiglia di vetro chiusa, in frigo, per circa 5-7 giorni.


    Varianti:

    • se non ti danno fastidio “i pezzetti” di polpa nel latte vegetale, puoi evitare la fase di filtraggio
    • gli anacardi sono abbastanza dolci in sé, ma se usi un’altra base per i tuo latte puoi aggiungere un po’ di sciroppo d’acero o di nettare d’agave per la dolcezza


    IL FAI DA TE O DIY

    Che cos’è il DIY?

    DIY è l’acronimo di Do It Yourself: fai-da-te.
    Il DIY rappresenta un’ampia categoria di attività volte alla creazione o al riparo di oggetti vari, che si svolge da sé, evitando l’acquisto di nuovi prodotti finiti.



    Molte attività DIY hanno un fine ecologico, e prevedono il riutilizzo di “materiali di scarto” che finirebbero, altrimenti, tra i rifiuti.
    Tra queste attività, le nostre preferite sono volte alla creazione di articoli per la pulizia e per il corpo, che non solo eliminano la necessità dell’acquisto di prodotti già pronti, ma anche di scegliere ingredienti naturali e di qualità.


    Il DIY è per tutti, anche se a diversi livelli: c’è chi si limita a fare l’ammorbidente da sé (aceto + bicarbonato in acqua), e chi da un pallet di legno riciclato sa ricavare un mobile in tutto e per tutto!

    Quali sono i vantaggi del DIY?

    • Ecologia: il DIY è sostenibile. Creando oggetti e prodotti in casa, si possono sensibilmente ridurre gli acquisti di nuovi articoli e si può dare una seconda vita a quelli che sarebbero altrimenti diventati “rifiuti”.
    • Risparmio: DIY significa anche risparmiare. Nel prezzo dei normali prodotti “finiti” sono compresi anche i costi della produzione e della commercializzazione. Nel DIY invece, il costo è pari a zero, fatta eccezione per qualche ingrediente aggiuntivo, talvolta necessario.
    • Qualità: Il DIY permette di creare con ingredienti e materiali che incontrano le preferenze e gli standard di chi crea, senza scendere a compromessi con quello che offre il mercato per uno stesso prodotto “già pronto”.
    • Soddisfazione: creare significa anche imparare nuove tecniche e sviluppare le proprie abilità: la soddisfazione è garantita!

    Esistono degli svantaggi per quanto DIY?

    • Tempo: dedicarsi al DIY richiede senza dubbio più tempo rispetto ad un salto al supermercato per riempire il carrello di prodotti. Ma questo tipo di attività non dev’essere vista solo come un’alternativa al fare la spesa, è un ottimo passatempo che può coinvolgere tutta la famiglia!
    • Conservazione: abbiamo parlato della creazione di prodotti per il corpo e della possibilità connessa di scegliere solo ingredienti naturali. Questo significa probabilmente che molti prodotti si conserveranno meno a lungo dei loro fratelli industriali. Ma a tutto c’è una soluzione: preparare piccole quantità un po’ più spesso.

    Second noi, i vantaggi del DIY sono decisamente importanti e vale la pena di dedicarcisi ogni tanto…quindi ecco una sfida per iniziare: crema per il corpo fatta in casa!