Rifiuti Zero

Che cosa significa adottare un approccio rifiuti zero?

La filosofia “Zero waste” o “rifiuti zero” si basa sulla massimizzazione del riutilizzo delle risorse e sulla riduzione degli acquisti, al fine di ridurre la quantità di rifiuti prodotti da ognuno.

Possiamo vedere l’approccio “zero waste” come il contributo che ognuno di noi può dare per la lotta globale ai problemi ambientali dati dalla gestione dei rifiuti. In generale, l’impegno in questa lotta prevede l’incentivo a:

  • riutilizzo e riparazione 
  • ricerca di nuove tecniche e tecnologie per la produzione di prodotti che generino la minor quantità di rifiuti possibile
  • ottimizzazione delle attività riciclo (ad oggi incredibilmente inefficienti) incrementando al massimo la quantità di materiali riutilizzabili industrialmente ed eliminando il bisogno di inceneritori, discariche, etc

La Plastica

“Rifiuti zero” significa eliminare ogni tipo di rifiuto, ma in molti decidono di intraprendere questo percorso iniziando dalla plastica.
La plastica infatti, è incredibilmente diffusa e crea gravissimi danni soprattutto ad animali, ambiente e salute.

Non tutti sanno che…

  • di tutta la plastica prodotta globalmente fino ad oggi:
    • 9% è stata riciclata
    • 12% è stata incenerita
    • 79% è sepolta nelle discariche o dispersa nell’ambiente
  • metà della plastica che esiste ad oggi è stata creata solamente negli ultimi 13 anni
  • ogni anno finiscono negli oceani circa 8 milioni di tonnellate di plastica
  • la plastica viene usata in media 9 secondi prima di venire gettata
  • usando i rifiuti di plastica presenti nel mondo potremmo seppellire Manhattan ad una profondità di 3.2 km
  • è più economico produrre nuova plastica piuttosto che ricavarne della nuova riciclando la vecchia
  • la plastica non viene mai riciclata all’infinito, prima o poi verrà gettata (non importa sotto quale forma)

Perché scegliere di eliminare i rifiuti?

Il concetto “Rifiuti Zero” è da considerarsi un obiettivo, non è praticamente possibile eliminare il 100% della propria produzione di rifiuti dall’oggi al domani.
Si tratta di un percorso che comprende l’eliminazione graduale di alcuni prodotti, il cambio di alcune abitudini e un po’ di ricerca.
Per alcuni può essere più facile e veloce, per altri meno, l’importante è iniziare con il focus sull’obbiettivo e rendere definitivi i cambiamenti operati in quest’ottica.

Greenwashing

Un termine sempre più usato, ma cosa significa? Greenwashing è un termine coniato prendendo ispirazione dalla parola “whitewashing” termine che sta ad indicare le azioni di un’azienda o organizzazione tese a coprire eventuali avvenimenti scandalosi o negativi, presentando i fatti in maniera fuorviante. Allo stesso modo, “greenwashing” rappresenta la volontà di un’organizzazione o azienda di … Read More

Fai da te: crema pulente

Un’idea ecologica per pulire le superfici Questo prodotto è ottimo per pulire principalmente le superfici del bagno, o i piani cucina.Si applica con una spugnetta umida, si lascia agire qualche minuto e poi si sciacqua con un’altra spugnetta.Puoi preparare questo prodotto al momento ogni volta che ti serve. Ingredienti: Bicarbonato Sapone liquido per piatti (acquistato … Read More

Fai da te: latte di anacardi

Come prepare un ottimo latte di anacardi fatto in casa Il latte vegetale diventa ogni giorno più popolare sia tra chi sceglie una dieta di tipo vegetale sia tra gli onnivori.Nonostante il mercato offra un’immensa varietà di questi prodotti, è anche facile ed economico da fare in casa, evitando così di acquistare (e buttare) l’ennesimo … Read More